lunedì 30 luglio 2018

Il BOOTCAMP della Leonardo Intelligence è pronto

Carissimi tutti,
questo weekend 27-28-29 luglio abbiamo avuto ad Ovindoli (AQ) le prove generali nel nuovo corso pratico chiamato BOOTCAMP....vi dico senza troppi giri di parole...E' UNA FIGATA PAZZESCA! Ma sopratutto FUNZIONA!
 

 








 






Chi ha partecipato ha faticato, sudato, studiato e messo in pratica cose che, a detta di chi lavora in questo settore da tanti anni, non conosceva neanche!!!!

I giovani che hanno partecipato hanno avuto modo di chiarirsi tanti dubbi e perplessita'...ma sopratutto hanno avuto modo di vedere una realta' che nessuno prima gli aveva dato modo di vedere.

Il nuovo modello di formazione pratica della Leonardo e' pronto - BOOTCAMP - e a breve decideremo una data per tutti coloro che vorranno parteciparvi.

Estremamente soddisfatto ed entusiasta, ma particolarmente stanco, vi mando i miei saluti di
Buon Lunedi' e
buon lavoro Carissimi tutti,
questo weekend 27-28-29 luglio abbiamo avuto ad Ovindoli (AQ) le prove generali nel nuovo corso pratico chiamato BOOTCAMP....vi dico senza troppi giri di parole...E' UNA FIGATA PAZZESCA! Ma sopratutto FUNZIONA!

Chi ha partecipato ha faticato, sudato, studiato e messo in pratica cose che, a detta di chi lavora in questo settore da tanti anni, non conosceva neanche!!!!

I giovani che hanno partecipato hanno avuto modo di chiarirsi tanti dubbi e perplessita'...ma sopratutto hanno avuto modo di vedere una realta' che nessuno prima gli aveva dato modo di vedere.

Il nuovo modello di formazione pratica della Leonardo e' pronto - BOOTCAMP - e a breve decideremo una data per tutti coloro che vorranno parteciparvi.

Estremamente soddisfatto ed entusiasta, ma particolarmente stanco, vi mando i miei saluti di
Buon Lunedi' e
buon lavoro 
Il Presidente

lunedì 23 luglio 2018

La fotografia al lavoratore

Quando e dove è possibile fotografare, per un investigatore privato, una persona durante l'attività lavorativa.


A volte ci troviamo difronte alla necessità di fotografare un soggetto in un luogo privato ma aperto al pubblico. Si pensi, ad esempio, al lavoratore infedele che in malattia si reca a svolgere il doppio lavoro o la necessità di dimostrare che un coniuge lavora a “nero”.

- Possiamo scattare fotografie in un luogo privato aperto al pubblico?
- Ci troviamo di fronte a una privata dimora?
- Rischiamo una denuncia per violazione di domicilio?

La questione è da sempre piuttosto dibattuta, tanto che le varie Corti hanno emesso negli anni sentenze difformi tra loro (Corte Costituzionale 135/02 – Corte Costituzionale 149/08 – Corte di Cassazione 652/17).

A fare più chiarezza sull'argomento è venuta in soccorso la Corte di Cassazione, la quale, con la sentenza n.31345/17 emanata a Sezioni Unite, ha recentemente risposto ad una domanda importante, o meglio:

"Rientra nella nozione di privata dimora il luogo dove è esercitata un'attività commerciale o imprenditoriale?” (nella fattispecie un ristorante).

La risposta è NO.

La Suprema Corte si esprime molto chiaramente sul concetto di "privata dimora" considerando soltanto l'area riservata alla sfera privata della persona fotografata

Rientrano nella categoria di "privata dimora" solo i luoghi lavorativi nei quali si svolgono “non occasionalmente” attività riconducibili alla vita privata del lavoratore, luoghi che non siano aperti al pubblico e/o non accessibili a terzi senza il consenso del titolare.

In sostanza, non tutti – i luoghi aperti al pubblico – sono equiparati a
"privata dimora".

Sono quindi da considerarsi "privata dimora" solo quelle aree, locali, ambienti non accessibili al pubblico, dov'è tutelato il diritto alla riservatezza e sono provvisti di tre elementi anche non contemporaneamente presenti, quali:
  1. l’utilizzo del luogo per lo svolgimento di manifestazioni della vita privata in modo riservato e al riparo da intrusioni esterne;
  2. la durata apprezzabile del rapporto tra il luogo e la persona, che deve essere caratterizzato da stabilità e non da occasionalità;
  3. la non accessibilità al luogo da parte di estranei senza il consenso del titolare dello ius excludendi.
Configura pertanto un illecito fotografare il lavoratore nello spogliatoio, nel bagno e/o in tutte quelle aree in cui può essere presente la dicitura “riservato al personale”, “riservato agli addetti al lavori”, “privato”, ecc.

Diversamente, è consentito eseguire qualsiasi tipo di fotografia o riprese al lavoratore intento a prestare la sua opera lavorativa, al di fuori delle aree considerate "privata dimora", non potendosi configurare ne la violazione di domicilio ne l'interazione con l'interessato.

Andrea Pedicone
Consigliere per gli Studi Legislativi
Leonardo Intelligence